Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Distanza: 30,20 km

Guadagno quota: 1120 m

Perdita quota: 1108 m

Quota minima: 733 m

Quota Massima: 1245 m

Tempo: 4:00 h

Velocità media: 7,5 km/h

Difficoltà  Percorso: difficile e impegnativo

 

Download traccia formato GPX

Apri il percorso su Google Map e guarda le foto

 

Percorso bellissimo ma molto impegnativo in qualsiasi stagione e con qualsiasi condizione meteo.

Da Balze il primo tratto di salita (150 m di dislivello in circa 2,5 km) è una mulattiera tutta pedalabile fin ad arrivare alla Cava del Fumaiolo; da qui, la discesa per Montecoronaro è bella e mediamente impegnativa mulattiera e single track nel bosco.

Superato l’abitato di Montecoronaro si attraversa la Strada Provinciale 137 e si prosegue diritto per Montione Selva su Strada per Montione.

Dopo circa 2,4 km si arriva ad un bivio a “T” .

NB Qui i bikers non devono proseguire diritti per il percorso dei pellegrini a piedi (mulattiera molto ripida - segnale Poggio Tre Vescovi) ma girano a destra su strada forestale Montione – Rotta dei Cavalli.

Dopo circa 1 km, in località Val di Melo (cartello) proseguire per Poggio Tre Vescovi - La Verna, mantenendo sempre la strada forestale Rotta dei Cavalli per circa 9,5 km di salita per circa 350 m di dislivello positivo, si arriva a Passo Rotta dei Cavalli (1172 mt).

Da Passo Rotta dei Cavalli proseguire per il sentiero 00 direzione Poggio Tre Vescovi (Circa 2 km).

Arrivati a Poggio Tre Vescovi il percorso si unisce nuovamente al cammino a piedi.

Inizia una discesa in single track con alcuni tratti tecnici e si arriva al Passo delle Gualanciole.

Dal Passo delle Gualanciole riparte una salita (tutta pedalabile) su strada bianca fino al Passo delle Pratelle; a questo punto si percorre un altro strappo impegnativo ma non molto lungo fino a Monte Calvano dove potremo godere di un panorama mozzafiato a 360 gradi.

Da Monte Calvano a La Verna si segue una mulattiera in discesa con alcuni tratti di sassi e pietre a cui prestare attenzione.

L’ultimo tratto in strada e sanpietrini (800m) è in mezzo ad un bosco secolare e l’ingresso che porta al Santuario è molto suggestivo ed emozionante.

(Fonte: Vincenzi Primo Gianni, Cristian Reali, Matteo Panzeri)

 

in collaborazione con

Sede di Rimini e dell'Adriatico

 

NEWS

AGGIORNAMENTO IMPORTANTE 13 SETTEMBRE 2020

Lungo la seconda tappa, in località Torello, a causa di un cantiere è necessario effettuare una deviazione dal percorso principale: nella pagina relativa alla tappa proponiamo due alternative, continua a leggere ...