Il Cammino di San Francesco da Rimini a La Verna

Distanza: 40,32 km

Guadagno quota: 1370 m

Perdita quota: 1321 m

Quota minima: 733 m

Quota Massima: 1245 m

Tempo: 5:00

Velocità media: 8 k/h

Difficoltà  Percorso: difficile e impegnativo

 

Download traccia formato GPX

 

Percorso bellissimo ma molto impegnativo in qualsiasi stagione e con qualsiasi condizione meteo.

Da Balze il primo tratto di salita (150 m di dislivello in circa 2,5 km) è una mulattiera tutta pedalabile fin ad arrivare alla Cava del Fumaiolo; da qui, la discesa per Montecoronaro è bella e mediamente impegnativa mulattiera e single track nel bosco.

Superato l’abitato di Montecoronaro si attraversa la Strada Provinciale 137 e si prosegue diritto per Montione Selva su Strada per Montione.

Dopo circa 2,4 km si arriva ad un bivio a “T” .

NB Qui i bikers non devono proseguire diritti per il percorso dei pellegrini a piedi  (mulattiera molto ripida - segnale Poggio Tre Vescovi) ma girano a destra su strada forestale Montione – Rotta dei Cavalli.

Dopo circa 1 km, in località Val di Melo (cartello) proseguire per Poggio Tre Vescovi - La Verna, mantenendo sempre la strada forestale Rotta dei Cavalli per circa 9,5 km di salita per circa 350 m di dislivello positivo, si arriva a Passo Rotta dei Cavalli (1172 mt).

Da passo Rotta dei Cavalli prendere l’indicazione per Podere Fatucchio per circa 3,6 km, da Podere Fatucchio proseguire sulla strada brecciata principale per altri 3,5 km passando per Casa Toniarello, Casa Moggio, La Menca fino ad arrivare in località Valle Santa. Da qui tenere sempre la strada principale passando per Il Doccione e proseguendo per il Passo delle Gualanciole.

N.B. Da Valle Santa a Passo delle Gualanciole: 4,7 km.

Dal Passo delle Gualanciole riparte una salita (tutta pedalabile) su strada bianca fino al Passo delle Pratelle; a questo punto si percorre un altro strappo impegnativo ma non molto lungo fino a Monte Calvano dove potremo godere di un panorama mozzafiato a 360 gradi.

Da Monte Calvano a La Verna si segue una mulattiera in discesa con alcuni tratti di sassi e pietre a cui prestare attenzione.

L’ultimo tratto in strada e sanpietrini (800m) è in mezzo ad un bosco secolare e l’ingresso che porta al Santuario è molto suggestivo ed emozionante.

 

(Fonte: Vincenzi Primo Gianni, Cristian Reali, Matteo Panzeri)

Sostieni L'Umana Dimora